Sentiamo sempre più spesso parlare di storytelling: ma cos’è?

Cerco di essere più chiaro possibile. Esistono due grandi gruppi in cui possiamo suddividere lo Storytelling:

  1. storytelling nella narrazione, disciplina che usa i principi della retorica e della narratologia. Vi sono uno storytelling letterario, uno storytelling audiovisivo, ed uno anche solo verbale. (fonte wiki)
  2. Lo Storytelling Management è una disciplina ampia e articolata che, basandosi sui principi della narrazione applicata all’impresa, genera un vasto assortimento di strumenti, cartacei, digitali e relazionali che possono essere applicati a diverse aree o funzioni aziendali. (fonte wiki)

Quello di cui vi voglio parlare oggi e nei prossimi articoli, è lo storytelling applicato alle piccole/medio aziende, quindi quello elencato al punto 2.storytelling2

Questa pratica, sempre più in uso nel nostro paese, consiste nel trasformare il messaggio aziendale in una narrazione, capace di colpire lo stato d’animo delle persone.

Le persone evitano senza sforzo gli spot e le interruzioni pubblicitarie, ignorano i messaggi che i brand piazzano davanti ai loro occhi senza che la cosa sia voluta (interruption marketing). Al contrario, cercano contenuti di qualità. Cercano contenuti capaci di risolvere problemi e svelare emozioni. Ecco perché lo storytelling è fondamentale nella tua attività di promozione. Attraverso lo storytelling puoi comunicare messaggi forti ai clienti e fare in modo che siano loro a cercare il tuo contenuto.

Ci vediamo nei prossimi articoli, dove ti narrerò altre sfaccettature su questa branca del  social media marketing ormai sempre più comune.

 

 

Annunci